SOCIETA’ ITALIANA DI PATOLOGIA E MEDICINA ORALE

I. Denominazione, scopi, sede e durata

Articolo 1

E’ costituita, con durata illimitata, la Società Italiana di Patologia e Medicina Orale (S.I.P.M.O.).

Articolo 2

La Società ha lo scopo di favorire lo studio ed il progresso delle conoscenze scientifiche e cliniche nel campo della Medicina e della Patologia orale, di promuovere i rapporti e gli scambi culturali e scientifici fra Istituti, Associazioni e Fondazioni nonchè fra i cultori della Medicina e della Patologia orale in Italia ed all’estero, di facilitare tutte quelle attività che tendono a potenziare ed a valorizzare queste discipline nel campo scientifico, didattico e professionale, di stabilire relazioni con analoghe associazioni nazionali ed internazionali,di tutelare con ogni azione necessaria, sempre nel rispetto della deontologia professionale, gli interessi della Patologia e della Medicina orale e dei suoi Associati.

Articolo 3

La Società ha sede presso il Presidente in carica.
Sono organi della Società:
– il Consiglio Direttivo,
– il Comitato Esecutivo,
– il Collegio dei Probiviri,
– il Collegio dei Revisori dei Conti,
Le Assemblee dei Soci sono le seguenti:
– Assemblea Generale Annuale (Collegio)
– Assemblea Ordinaria Congressuale
– Assemblea Straordinaria

Articolo 4

La durata dell’Associazione è illimitata.

II. Soci e Organi

Articolo 5

La Società si compone di Soci Attivi, Soci Ordinari, Soci Affiliati, Soci Sostenitori, Soci Onorari. Sono Soci Attivi i Soci che svolgono una documentata attività assistenziale e/o scientifica nel campo della Medicina e della Patologia Orale. Sono Soci Ordinari, tutti coloro i quali, ammessi a far parte della Società, versano annualmente la quota sociale stabilita dal Consiglio Direttivo con le modalità di seguito stabilite. Sono Soci affiliati gli studenti iscritti al 3°, 4° e 5° anno del Corso di Laurea specialistico in Odontoiatria e protesi dentaria, al 5°e 6° del Corso di Laurea Specialistico in Medicina e Chirurgia e al 2° e 3° del Corso di Laurea in Igiene Dentale, i Laureati in Igiene Dentale. I soci Attivi, Ordinari, Affiliati sono tenuti al versamento della rispettiva quota associativa annuale entro e non oltre il 31 gennaio di ogni anno. Il Segretario-Tesoriere, durante il mese di febbraio di ogni anno, invia ai Soci non solventi un sollecito; trascorso il mese di febbraio segnala i nominativi degli inadempienti al Consiglio Direttivo per gli eventuali provvedimenti. Hanno diritto al voto nelle Assemblee i Soci Attivi ed i Soci Ordinari in regola con il pagamento della quota sociale, ma solo i Soci Attivi possono essere eletti al Consiglio Direttivo purché in regola con il pagamento della quota sociale da almeno tre anni consecutivi e purché non abbiano interessi commerciali nel settore odontoiatrico. I Soci Ordinari godono di tutti i privilegi dei Soci Attivi, incluso quello di intervenire nelle Assemblee e possono essere eletti Revisori dei Conti o Probiviri ma non possono occupare cariche nel Consiglio Direttivo.

Articolo 6

Possono essere ammessi a far parte della Società:

come Soci attivi i Laureati in Medicina e Chirurgia abilitati per legge ad esercitare la professione di Odontoiatra e i Laureati in Odontoiatria e Protesi dentaria che svolgono a tempo pieno o parziale, a qualsivoglia titolo, attività di Medicina Orale. Alla presentazione della domanda deve essere documentata l’attività svolta e le pubblicazioni prodotte che devono essere almeno 3 negli ultimi 5 anni su riviste con Impact Factor su argomenti attinenti la patologia e la medicina orale. Sono Soci Attivi di diritto i Past President della Società.
come Soci Ordinari i Laureati in Medicina e Chirurgia specializzati o meno nelle Discipline odontostomatologiche; i Laureati in Odontoiatria e Protesi dentaria
come Soci Affiliati gli studenti iscritti al 3° 4° e 5° anno del Corso di Laurea specialistico in Odontoiatria e protesi dentaria, al 5°e 6° del Corso di Laurea Specialistico in Medicina e Chirurgia e al 2° e 3° del Corso di Laurea in Igiene Dentale, i Laureati in Igiene Dentale
come Soci Sostenitori Enti pubblici e privati, Associazioni, Istituti e Fondazioni che intendono favorire il raggiungimento degli obiettivi della Società con contributi finanziari, donazioni o con altri atti a favore della Società. Il Socio Sostenitore che sia un Ente, Associazione o Istituto, è rappresentato nella Società da un delegato che ha diritto di intervento nelle Assemblee generali, ma non ha diritto al voto né può essere eletto a cariche sociali. In caso di persone la qualifica di Socio Sostenitore è compatibile con quello di Socio Attivo, Ordinario, o Onorario ove sussistano i requisiti dell’art. 6 del presente Statuto. In tali casi il Socio Sostenitore può esercitare i diritti propri di tali qualifiche.
come Soci Onorari della Società eminenti personalità italiane e straniere che per meriti scientifici, didattici e clinici abbiano raggiunto una chiara fama nel campo dell’Odontostomatologia, che abbiano dato importanti contributi al raggiungimento dei fini istituzionali della Società o, infine, personalità la cui appartenenza alla Società conferisca onore e prestigio alla stessa. Possono essere proposti ed eletti a Soci Onorari quei membri del Consiglio Direttivo che per un lungo periodo di tempo hanno dato la loro autorevole attiva opera per il progresso scientifico, culturale ed accademico dell’Odontostomatologia. La nomina dei Soci Onorari viene fatta in occasione dell’Assemblea Ordinaria Congressuale su designazione unanime del Consiglio Direttivo. I Soci onorari sono iscritti in un apposito elenco d’onore e possono essere invitati a presenziare alle Assemblee ed alle riunioni del Consiglio Direttivo e del Comitato Esecutivo sempre senza diritto di voto. I Soci onorari sono esentati dal versamento di qualsiasi quota sociale e rimangono in tale carica a vita. Le domande di ammissione a Socio Attivo e Socio Ordinario devono essere inoltrate per iscritto alla Presidenza corredate dei titoli richiesti. Il Consiglio Direttivo delibera l’accettazione della domanda a maggioranza semplice nel corso del primo Consiglio Direttivo utile. L’Assemblea Generale Annuale ratifica l’ammissione dei nuovi Soci Ordinari e Attivi. Per i Soci Affiliati l’iscrizione è a richiesta semplice su presentazione del libretto universitario o del certificato di Laurea per i Laureati in Igiene Dentale. I Soci attivi, quando ammessi, possono rinnovare la loro iscrizione per 10 anni, terminato questo periodo devono rinnovare la domanda di ammissione nuovamente corredata dai titoli.

Articolo 7

Il Consiglio Direttivo della Società è composto dal Presidente, da un Vicepresidente, da sei Consiglieri e da un Consigliere Tesoriere-Segretario. Possono accedere a queste cariche solo i Soci Attivi. L’elezione viene tenuta ogni due anni durante l’Assemblea Generale Annuale con momento elettivo a votazione segreta da parte dei Soci attivi ed ordinari in regola con il pagamento della quota associativa almeno sessanta giorni prima della data di tale Assemblea. Infine, possono partecipare alla votazione per l’elezione del Consiglio Direttivo i nuovi Soci iscritti alla Società almeno sei mesi prima di tale Assemblea con momento elettivo. Con votazione a parte il Consiglio Direttivo eletto sceglie fra i suoi componenti il Presidente, il Vicepresidente e il Tesoriere-Segretario che formano il Comitato Esecutivo. L’Assemblea dei Soci elegge anche il Collegio dei Revisori dei Conti nel numero di tre Soci attivi o Ordinari più un Supplente ed il Collegio dei Probiviri nel numero di tre Soci attivi o Ordinari più un Supplente. Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno due volte all’anno su convocazione del Presidente o su richiesta di cinque membri del Direttivo stesso. Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide quando sono presenti la metà più uno dei membri. Sono considerate valide anche riunioni in teleconferenza con stesura di verbale approvato da tutti i partecipanti. I membri del Consiglio Direttivo che, senza giustificato motivo, non partecipano a due riunioni consecutive del Consiglio stesso decadono dall’incarico. In caso di dimissioni o di impossibilità di un componente del Consiglio Direttivo a espletare il suo mandato, subentra il primo dei non eletti con ratifica del Collegio dei Probiviri. In caso di dimissione del Consiglio Direttivo il Presidente convoca entro 60 giorni un’Assemblea Straordinaria con momento elettivo. Il Comitato Esecutivo assicura l’attuazione delle delibere del Consiglio Direttivo relative all’amministrazione ordinaria e straordinaria della Società e di quanto altro ad esso demandato dal Consiglio Direttivo nell’ambito delle proprie competenze istituzionali; rende esecutivi i mandati e le indicazioni ricevute dal Consiglio Direttivo sia per quanto concerne le attività culturali che per quanto possa concorrere allo sviluppo ed al progresso delle Discipline Odontostomatologiche. Il Comitato Esecutivo si riunisce almeno due volte all’anno su convocazione del Presidente o su richiesta di due membri del Comitato stesso. Il Comitato Esecutivo è presieduto dal Presidente in carica o in sua assenza dal Vicepresidente.

Articolo 8

L’elezione per il rinnovo del Consiglio Direttivo viene fatta ogni due anni. Il Presidente dura in carica un biennio ed è rieleggibile per un ulteriore biennio. In seguito non è rieleggibile se non dopo un intervallo di almeno due anni. Gli altri membri del Consiglio Direttivo restano in carica un biennio e sono rieleggibili. Nel caso di dimissioni od impossibilità permanente del Presidente in carica a svolgere le sue funzioni, subentrerà in tale compito, a tutti gli effetti, il Vicepresidente fino alla nomina del nuovo Consiglio Direttivo da parte dei Soci ordinari partecipanti all’Assemblea con momento elettivo.Il Consiglio Direttivo presiede alle sorti della Società, ne amministra le sostanze e provvede all’adempimento degli obblighi contemplati nello Statuto. Ha la rappresentanza della Società della quale promuove lo sviluppo e la valorizzazione con tutti i mezzi consentiti dallo Statuto Al Consiglio Direttivo spetta la definizione degli indirizzi e dei programmi scientifici dei Congressi e delle Manifestazioni culturali. Il Consiglio Direttivo, salvo casi previsti diversamente dallo Statuto, delibera a maggioranza: in caso di parità prevale il voto del Presidente della Società. Le attività proprie del Consiglio Direttivo possono essere affidate da questo ad apposite Commissioni presiedute dal Presidente della Società o da un Socio da lui delegato.

III. Assemblee

Articolo 9

La Società si riunisce in Assemblea Ordinaria in occasione della Assemblea Generale Annuale (al Collegio dei Docenti) e della Assemblea Ordinaria Congressuale(annuale o biennale). Ogni due anni in occasione della Assemblea Generale Annuale si procede al “momento elettivo”. Il Consiglio Direttivo può tuttavia convocare Assemblee Straordinarie quando lo ritenga necessario nell’interesse della Società o quando ne facciano richiesta almeno un terzo dei Soci.

Articolo 10

Le deliberazioni in seno alla Società vengono prese per votazione a maggioranza dei Soci Attivi ed Ordinari presenti all’Assemblea. Non sono ammesse votazioni per delega. Hanno diritto di intervenire alle Assemblee i Soci Attivi ed Ordinari che risultino regolarmente iscritti ed in regola con il pagamento delle quote annuali.

Articolo 11

L’Assemblea dei Soci Attivi ed Ordinari è valida, in prima convocazione, con l’intervento della metà degli aventi diritto e, in seconda convocazione, qualunque sia il numero degli intervenuti. Per le delibere aventi per oggetto modifiche dello Statuto o del Regolamento l’Assemblea sarà valida, in prima convocazione, con l’intervento del 75% degli aventi diritto e, in seconda convocazione, con l’intervento del 50% degli aventi diritto. Per lo scioglimento dell’Associazione l’Assemblea sarà valida, con l’intervento del 75% degli aventi diritto anche in seconda convocazione.

Articolo 12

Le Assemblee sono presiedute dal Presidente in carica oppure, in sua assenza, dal Vicepresidente edin caso di assenza anche di quest’ultimo da un membro del Consiglio Direttivo.

Articolo 13

Le elezioni degli organi dell’Associazione si svolgeranno a scrutinio segreto in occasione dell’Assemblea Ordinaria o Straordinaria con momento elettivo. Il Presidente comunica con un preavviso di almeno 60 giorni all’elettorato attivo (Soci Attivi e Soci Ordinari in regola con il pagamento della quota associativa almeno sessanta giorni prima della data dell’Assemblea elettiva) che contemporaneamente alla prossima Assemblea si svolgerà anche il momento elettivo e invita a presentare le candidature entro 30 giorni. Il Segretario-Tesoriere provvede a verificare l’elettorato passivo e invia la lista dei candidati all’elettorato attivo almeno 15 giorni prima.

IV. Congresso

Articolo 14

La Società indice Congresso Nazionale con scadenza annuale o biennale; una parte dei lavori congressuali deve essere riservata allo svolgimento di comunicazioni a tema libero.

Articolo 15

Il Presidente della Società è il Presidente del Congresso e cura l’attuazione del programma scientifico indicato dal Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo nomina il Presidente del Comitato Organizzatore che si sceglierà i collaboratori indicando la distribuzione dei compiti.

V. Finanze e bilancio Articolo

Articolo 16

Il Patrocinio della Società è rappresentato dalle seguenti entrate: – quote dei Soci attivi, ordinari, e affiliati – utili dei Congressi della Società – eventuali donazioni ed elargizioni da parte di Istituti, Enti e persone, proventi la cui destinazione verrà indicata dal Consiglio Direttivo e comunicata all’Assemblea dei Soci. I proventi e le rendite patrimoniali della Società verranno depositati ad interesse presso un Istituto bancario e tenuti a disposizione per spese inerenti al funzionamento della Società ed all’espletamento degli scopi contenuti nel presente Statuto. Il tesoriere ha mandato di aprire C/C bancari ed accendere depositi amministrativi. Può inoltre compiere tutte le operazioni bancarie nei limiti della disponibilità, ed effettuare acquisti e vendite di titoli obbligazioni su delibera del Consiglio Direttivo. Il Tesoriere deve tenere un registro/inventario dei beni acquisiti dalla Società.

Articolo 17

L’esercizio finanziario della Società decorre da inizio mandato a fine mandato del Consiglio direttivo. Il bilancio consuntivo preparato dal Segretario-Tesoriere dopo vidimazione dei Revisori dei Conti deve essere sottoposto all’approvazione dell’Assemblea con momento elettivo.

VI. Collegio dei revisori

Articolo 18

Per ciascun biennio finanziario l’Assemblea con momento elettivo elegge fra i Soci Attivi e/o Ordinari tre Revisori dei Conti più un supplente con l’incarico di riferire per iscritto sull’andamento dell’Amministrazione della Società. I Revisori dei Conti durano in carica un biennio e possono essere rieletti una sola volta. In seguito non sino rieleggibili se non dopo un intervallo di almeno due anni I Revisori dei conti eletti dall’Assemblea Ordinaria con momento elettivo durano in carica un biennio e sono rieleggibili solo una volta per il biennio successivo. Essi esaminano il bilancio, constatano la regolarità amministrativa formale ed vidimano il bilancio consuntivo preparato dal SegretarioTesoriere.

VII: Collegio dei probiviri

Articolo 19

Per ciascun biennio finanziario l’Assemblea Ordinaria con momento elettivo elegge fra i Soci Attivi e/o Ordinari tre Probiviri più un supplente. La carica di Probiviro è incompatibile con quella di membro del Direttivo o quella di Revisore dei Conti. Il collegio dei Probiviri, su invito del Consiglio Direttivo, esprime un parere nei limiti previsti dalla legge su ogni controversia tra i Soci e gli Organi della Società. Il Collegio dei Probiviri dura in carica un biennio e può essere rieletto una sola volta. In seguito non è rieleggibile se non dopo un intervallo di almeno due anni.

Articolo 20

Sul comportamento dei Soci vigila il Consiglio Direttivo che può deliberare a maggioranza semplice, sentito il parere dei Probiviri, le seguenti sanzioni per comportamenti contrastanti con i fini enunciati dall’Art. 1 del presente Statuto: – ammonizione – sospensione temporanea – espulsione Il Socio proposto per l’espulsione può richiedere di giustificarsi davanti al Consiglio Direttivo. L’esclusione del Socio, oltre al caso di morosità e di inadempienza e a tutte le ulteriori ipotesi previste dallo Statuto o dal Regolamento Associativo, potrà essere applicata in conformità dell’Art. 24 del Codice Civile. La qualità di Socio si perde altresì per dimissione. Il depennamento per morosità è un provvedimento irrevocabile finché il Socio moroso non provveda a mettersi in regola con il pagamento. VIII. Revisione dello Statuto e Scioglimento della Associazione

Articolo 21

Eventuali modifiche al presente Statuto possono essere fatte solo per proposta del Consiglio Direttivo o di un terzo almeno dei Soci. Esse dovranno essere presentate al Consiglio Direttivo sei mesi prima della Assemblea nella quale devono venire discusse ed approvate, previa la loro espressa indicazione nell’Ordine del giorno, e non possono, in nessun caso, essere comprese nella voce “varie ed eventuali”, ovvero essere oggetto di mozione d’ordine. Come da precedente articolo 11 le delibere aventi per oggetto modifiche dello Statuto o del Regolamento saranno valide se approvate in Assemblea, in prima convocazione, con l’intervento del 75% degli aventi diritto e, in seconda convocazione, con l’intervento del 50% degli aventi diritto.

Articolo 22

L’Associazione si scioglie in seguito a delibera dall’Assemblea con l’intervento del 75% degli aventi diritto anche in seconda convocazione:
a) per volontà degli associati;
b) per impossibilità di conseguimento degli scopi associativi;
c) in ogni altro caso previsto dalle leggi vigenti.
In caso di estinzione della Società il residuo patrimoniale netto delle spese per la liquidazione sarà destinato, secondo le decisioni del Consiglio Direttivo, alle Università italiane per le esigenze delle Discipline Odontostomatologiche.

IX. Norme di Riinvio Articolo

Articolo 23

Per quanto non previsto dal presente Statuto si fa riferimento alle norme di legge vigenti in materia.

DISPOSIZIONI TRANSITORIE E DI ATTUAZIONE

ART. 1 Disposizione transitoria riguardante la gestione (esercizio finanziario) Collegio dei Docenti 2003- Collegio dei Docenti 2005: tale esercizio finanziario si considera protratto fino alla Assemblea Ordinaria con momento elettivo svolta in occasione del Congresso Nazionale SIPMO con sede a Parma. La successiva gestione e corrispondente esercizio finanziario del Consiglio Direttivo eletto nel su indicato congresso saranno protratti fino all’Assemblea Ordinaria con momento elettivo tenuta in corrispondenza della giornata SIPMO al Collegio dei Docenti – Anno 2008.

Data di fondazione 31 Ottobre 1992